Sconfiggere la fame in India

22/08/2010

 

L'India è sede di circa 230 milioni di persone sottonutrite - cioè, il 27 per cento di tutte le persone sottonutrite nel mondo. Peggio ancora, più della metà di tutta la mortalità infantile in India è a causa della malnutrizione e oltre 1,5 milioni di bambini nel paese sono a rischio di essere malnutriti a causa dei prezzi dei prodotti alimentari.
Secondo i dati diffusi l’anno scorso dalle Nazioni Unite, Programma Alimentare Mondiale ( PAM), più del 70 per cento dei bambini sotto i cinque anni in India sono anemici e il 40 per cento delle donne hanno carenza cronica di calorie. La relazione del PAM scese pesantemente sul programma di riduzione della povertà più estesa del paese , il sistema di distribuzione pubblica mirata (PDS) , per non aver aiutare i bisognosi a causa di " informazione imperfetta , la misurazione delle caratteristiche inesatta famiglia , la corruzione e inefficienza ".
Altre statistiche sulla povertà in India sono ugualmente tristi . Secondo una stima della Banca Mondiale , oltre il 42 per cento della popolazione indiana di 1,35 miliardi, vive al di sotto della soglia di povertà . Significativamente , oltre il 75 per cento dei poveri vive nelle aree rurali. In questo contesto , la proposta di legge sulla sicurezza alimentare in India
Il NAC guidato da Sonia Gandhi, ha trasmesso al governo una serie di raccomandazioni per la sicurezza alimentare della popolazione più povera.
Per le aree urbane , il NAC ha raccomandato che le famiglie individuate, tra cui gli abitanti delle baraccopoli e i senzatetto , abbiano diritto a 35 kg di grano per famiglia in un mese al prezzo di 3 Rupie al kg . Il Consiglio ha inoltre raccomandato un sostegno di nutrizione per le fasce più vulnerabili , vale a dire bambini, adolescenti , donne in gravidanza , bambini di strada , i senza tetto , gli anziani e gli infermi , malati di lebbra, e quelli con la tubercolosi , l'HIV / AIDS , e così via.
Non tutti sono d’accordo con questa iniziativa in quanto pone delle discriminazioni tra i poveri delle aree urbane e i poveri delle aree rurali ma anche discriminazioni tra i poveri delle aree urbane delle varie metropoli indiane.
I critici desidererebbero che l’iniziativa fosse estesa a tutti i poveri dell’India e non solo su base sperimentale e mirata.
http://www.frontlineonnet.com

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

06/09/2018

Presentata la Carta d'Intenti del "vero" volontariato: "deve essere gratuito, organizzato e indipendente"

Questa carta nasce e si diffonde dopo l’approvazione da parte del Parlamento del Codice del Terzo...

 

18/07/2018

Nuova costruzione di toilets in Ayyannarpuram

Un altro progetto è stato realizzato, la costruzione di toilets nel complesso scolastico di...

 

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...