Moratoria sull'aborto in India

15/01/2008

 

New Delhi - Ogni anno in India vi sono circa 13 milioni di aborti; almeno 80 mila donne muoiono a causa dell’operazione; in più vi è la piaga degli aborti selettivi, che ha portato all’eliminazione di almeno 10 milioni di feti femminili negli ultimi 20 anni. Eppure l’India ha una delle leggi sull’aborto fra le più permissive e l’aborto viene ancora pubblicizzato come metodo per il controllo delle nascite e per garantire un maggior sviluppo economico delle famiglie.
Lenin Raghavarshi, 37 anni, Presidente del Comitato di vigilanza del popolo per i diritti umani (People's Vigilance Committee On Human Rights, Pvchr) lotta contro il sistema delle caste e per i diritti dei Dalit. La sua organizzazione è pure impegnata contro la tortura e il lavoro minorile, che in India rasenta la schiavitù. Tempo fa essi hanno denunciato la sorte di 3500 bambini che lavoravano incatenati.
Per questo impegno a largo raggio, nel maggio scorso, egli ha vinto il premio coreano Gwangju per i diritti umani.
Raghavarshi, asserisce che: “La cosa più ridicola e assurda è suggerire che l’aborto è una soluzione alla fame, perché permette il controllo sulla popolazione. In più la concezione - così tipica delle agenzie Onu - che la sovrappopolazione è il pericolo maggiore alla salute di una nazione non ha proprio alcuna base di verità… In realtà il mondo dovrebbe guardare con urgenza ai temi socio-economici e politici per eliminare fame, povertà, miseria fra la gente”.
Raghavarshi, è favorevole alla moratoria contro l’aborto per i seguenti motivi:
-Alla base di tutti i diritti umani vi è il diritto a vivere.
-In India esiste questo grave male sociale dell’aborto selettivo [dei feti femminili]. “Sono contrario a questa pratica in modo assoluto. È anzi allarmante che in India e in Cina si proceda all’uccisione delle bambine: ciò dà adito a squilibri fra uomini e donne, che produrrà pericoli per il futuro delle nazioni. Dobbiamo sostenere il diritto alla vita dell’embrione fin dal seno materno”.
-In India l’aborto è una delle cause maggiori di mortalità fra le donne.

Raghavarshi precisa che la mortalità delle madri è dovuta in massima parte al fallimento di programmi di welfare e alla mancanza di sistemi di base per la cura della salute…. Difendere il diritto alla vita, come una cosa sacra, porta poi al difendere il diritto al cibo, all’educazione e alla salute.
La comunità internazionale deve comprendere che il problema maggiore è la non equa distribuzione delle risorse: il 20% della popolazione mondiale (i popoli del G7) usano l’80% delle risorse del mondo. È necessario che il mondo e i governi si impegnino ad eliminare fame e povertà, salvaguardando e promuovendo a dignità della persona nel suo diritto alla vita, all’educazione, alla salute.

Fonte : www.asianews.it

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

18/07/2018

Nuova costruzione di toilets in Ayyannarpuram

Un altro progetto è stato realizzato, la costruzione di toilets nel complesso scolastico di...

 

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...

 

09/04/2018

GREEN WEEK al Giardino botanico di Alessandria

Venerdì 13 Aprile al Giardino Botanico "Dina Bellotti" di Alessandria avrà inizio la GREEN WEEK...