LA SOLIDARIETA' DELLE DONNE ASSEFA

Testimonianza di Eléonore Dupré sull'efficacia del microcredito

21/11/2012

 

Eléonore Dupré è una laureanda francese che ha trascorso sei mesi in India presso l'ASSEFA.


LA SOLIDARIETA': il sostegno reciproco ed i Gruppi di Auto-Aiuto delle donne in India
di Eléonore Dupré

In un remoto villaggio del Tamil Nadu, nel bel mezzo di una capanna di fortuna, una giovane donna vestita modestamente sta accovacciata e prepara la cena. Ha lasciato la scuola a 12 anni. Alcuni anni più tardi è stata data in sposa dai suoi genitori ad un uomo di una famiglia vicina. Lei non ha mai viaggiato al di là della città più vicina, Natham, a soli 7 km di distanza.
Nello stesso villaggio, alla fine di un vicolo sterrato pieno di bambini che giocano, c'è un'altra casa.
E' nuova e spaziosa. Una donna è seduta sulla veranda, insieme ad altre donne ci accoglie con pasticcini e bevande. Parla con orgoglio dei suoi tre figli che stanno seguendo i loro studi secondari nel capoluogo della regione. Parla del successo economico della sua famiglia a cui lei ha largamente contribuito. Parla del suo ruolo nel villaggio, come presidente di un Gruppo di Auto-Aiuto (SHG) delle donne . E' responsabile per la raccolta e la lavorazione del latte. La sua attività le ha conferito un nuovo status , sia all'interno della famiglia che della società. Descrive con entusiasmo la terra e la fattoria che sono stati in grado di acquistare grazie al business del latte. Descrive con sicurezza come lei ora possa parlare con il direttore della State Bank of India, viaggiare liberamente e da sola anche in altri stati dell'India.
Questa attività non ha fatto solo guadagnare benessere a lei, ma anche a tutti i membri del SHG, che hanno aumentato il loro reddito e migliorato le loro condizioni di vita.
Queste due storie si svolgono nello stesso villaggio, Mathukarampathy, e descrivono la stessa donna,Kala, in due tempi diversi. La prima storia è datata 15 anni fa, la seconda descrive la vita di Kala oggi.
Come è avvenuto questo cambiamento?
Quali sono i fattori che hanno così cambiato la vita di questa donna?
Anche se è impossibile individuare i fattori variabili che hanno permesso questo cambiamento (essi sono legati al cambiamento importante che la società indiana ha subito negli ultimi decenni), cercherò di evidenziare il ruolo dei SHG nel sostenere l'emancipazione delle donne indiane nei villaggi.
Un gruppo di sostegno o SHG è una associazione di volontariato con un massimo di venti persone. I membri vivono vicino e hanno interessi comuni. I Gruppi sono costituiti democraticamente e non hanno appartenenza politica. Il gruppo si riunisce regolarmente per mettere in comune i loro risparmi e discutere di problemi vari. Questi risparmi comuni consentono ai membri del gruppo di accedere al credito personale, essendo i risparmi comuni una garanzia sufficiente per le banche.
Un fattore di successo di questi gruppi di sostegno è la loro composizione uniforme: sono in genere costituiti da donne (studi empirici hanno dimostrato che le associazioni di donne sono più solvibili),
che provengono dallo stesso villaggio (gruppi sociali uniformi garantiscono pagamenti più regolari).
Il termine "emancipazione" può essere definito come un processo che consente alle persone o a un gruppo di aumentare la propria capacità di prendere decisioni e di trasformarle in risultati desiderati.
Come fa l' SHG a diffondere l'emancipazione delle donne?
Alla luce della ricerca bibliografica e dell'esperienza sul campo di ASSEFA si possono avanzare le seguenti ipotesi :

1) Il Gruppo di Sostegno (SHG) ha contribuito al benessere materiale delle donne e delle loro famiglie, e al loro cambiamento psicologico (le donne sono più responsabili della loro vita)

2) il successo di SHG si basa su diverse variabili economiche e sociali che influenzano il potere contrattuale delle donne: la facilità di accesso al microcredito e l'effettivo controllo delle donne sui finanziamenti e sui rimborsi

3) Il supporto delle locali Orgabizzazioni Non Governative (ONG) è una leva che consente di sfruttare le predette possibilità economiche-sociali.

Gruppi di Auto-Aiuto (SHG), supporto materiale e rivoluzione psicologica

Il benessere delle donne e delle loro famiglie

L'accesso al microcredito permette alle donne una relativa indipendenza economica e facilita una vita migliore. I Gruppi di Auto-Aiuto garantiscono che le donne abbiano accesso ai prestiti per avviare attività economiche redditizie e per coprire i costi dei matrimoni, funerali, dell'istruzione, della casa, dell'assistenza sanitaria e quant'altro.
Un esempio di questi gruppi è dato dai Gruppi di Auto-Aiuto coordinati da ASSEFA: le donne possono stipulare prestiti senza interessi per coprire le spese sanitarie. Le molte opportunità e i diversi servizi (abitazione,istruzione,sanità) non si limitano solo alle donne, ma anche alle loro famiglie. Gli studi di casi come quello presentato all'inizio(Kala) sottolineano quanto sono migliorate le condizioni di vita in generale delle donne.

Oltre il supporto materiale, il cambiamento psicologico

Il Gruppo di Supporto non è solo un istituto finanziario, ma anche un forum dove le donne si riuniscono per discutere le questioni che nel passato erano tabù ( la violenza domestica, le difficoltà per provvedere alla dote,ecc) e di stare insieme per affrontare le difficoltà quotidiane. Le donne nei Gruppi di Auto-Aiuto in ASSEFA hanno,ad esempio, avviato programmi sociali come il sostegno della maternità e del periodo di lutto (Sarvodaya, una sorta di sistema di sicurezza sociale) , ma anche matrimoni e funerali di gruppo per aiutare le famiglie a ridurre i costi, e che rimangono le cause principali di indebitamento delle famiglie.Le donne hanno adesso accesso a posti di lavoro che in precedenza erano riservati agli uomini (nel servizio civile, come volontari,ecc.) attraverso il loro impegno nei gruppi di auto-aiuto. Le SHG forniscono un autentico trampolino di lancio per cogliere nuove opportunità, grazie alla formazione che possono fornire, e i mezzi e l'assistenza. I Gruppi di Auto-Aiuto consentono alle donne di diventare protagoniste della propria vita e di superare lo stato di inferiorità che è ancora così diffuso, nei loro confronti, nella società indiana.

Questioni economiche e sociali

Il successo del gruppo e come viene trasferito a vantaggio delle donne si fonda sia sull'efficacia del microcredito sia sul controllo che le donne esercitano sul prestito.

Il microcredito e l'emancipazione delle donne nella società indiana

Molti hanno sollevato dubbi sull'importanza del microcredito e sui SHG nell'alleviare la povertà ed i problemi connessi, in particolare quelli che riguardano le donne.
Il microcredito concesso a gruppi di donne ha ottenuto risultati molto positivi: l'omogeneità del gruppo è una garanzia sulla restituzione del prestito (oltre il 90% dei prestiti vengono rimborsati se contratti dai Gruppi di Auto-Aiuto).
Il sociologo Bali Swain dell' Università di Uppsala/Svezia sostiene che la collaborazione tra Organizzazioni Non Governative (ONG) e Gruppi di Auto-Aiuto (SHG) genera valore aggiunto ed è una ulteriore garanzia per gli istituti che finanziano il microcredito.
Lo studio della ONG ASSEFA si basa su queste argomentazioni: il sistema del microcredito è più forte quando vengono create dei SHG leaders ed inoltre si sviluppano strutture organizzative orizzontali (quali reti di Gruppi di Auto-Aiuto) e verticali (Sarvodaya Mutual Benefit- Fondazione, Sarvodaya Nano Finance Limited). Queste strutture garantiscono nel loro insieme un più forte sostegno economico.

I Gruppi di Auto-Aiuto (SHG) nella società

E' tuttavia necessario sottolineare che questo nuovo status acquisito dalle donne attraverso i SHG può anche avere ripercussioni negative legate alla partecipazione delle donne in questi Gruppi di Auto-Aiuto.
Il cambiamento in una società ha una certa inerzia dovuta a tradizioni e costumi.
A seguito del maggior reddito conseguito da alcune donne sposate, alcuni mariti tendono a ridurre il proprio sostegno all'interno del matrimonio. Nella maggior parte dei casi le donne hanno dovuto affrontare un onere pesante come conseguenza della loro partecipazione ai SHG. Inoltre le donne non sempre hanno il controllo sui prestiti. Nei casi peggiori le donne sono i semplici intermediari tra la banca ed i loro mariti.
La conclusione è che questo nuovo accesso al microcredito ha portato anche ad un aumento della violenza domestica nelle coppie in cui le donne sono state coinvolte nei SHG.
Questo è un esempio della resistenza al cambiamento nella società.
Il processo di emancipazione delle donne ha quindi importanti ripercussioni sulla società in quanto mette in crisi tradizioni e costumi.

Risposte e prospettive: SHG e ONG locali, l'esempio ASSEFA

Anche ASSEFA è a conoscenza di questi problemi della società indiana, e del sistema del microcredito.
ASSEFA sostiene un approccio globale allo sviluppo, che consenta di correggere queste deficienze.
Invece di considerare gli SHG come strumenti per garantire l'efficienza del microcredito, esso va considerato come uno strumento per migliorare le condizioni di vita delle persone.
Le SHG ASSEFA comprendono anche altre attività, come la raccolta del latte per le cooperative, attività sociali come matrimoni collettivi, fondi di investimento per la sanità e i funerali. Inoltre la gestione delle scuole ASSEFA e l'accesso al servizio civile.
Sostenendo i SHG, l'ONG ASSEFA ampia l'orizzonte a disposizione delle donne.
L'approccio globale allo sviluppo, da parte di ASSEFA, pone le donne al centro dello sviluppo.
LE SHG svolgono un ruolo fondamentale in tutte le attività dei 10.150 villaggi coinvolti. Nel caso specifico del microcredito, un fondo di solidarietà reciproca è stato aggiunto a garanzia ulteriore del rimborso dei prestiti. Quindi collegato agli SHG attraverso Fondazioni che possiedono le loro istituzioni finanziarie. Questo spiega certamente perchè l'efficienza del microcredito in ASSEFA è riconosciuto come uno dei più sicuri, con un tasso di rimborso superiore al 90%.
Anche se questo è il simbolo del successo di ASSEFA, esso rappresenta solo la dimensione economica del problema.
La storia personale di Kala è una delle migliaia. E' la storia di come i piccoli passi possono cambiare la vita delle donne, e diventare passi che coinvolgono lo sviluppo di tutta una società.

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

06/09/2018

Presentata la Carta d'Intenti del "vero" volontariato: "deve essere gratuito, organizzato e indipendente"

Questa carta nasce e si diffonde dopo l’approvazione da parte del Parlamento del Codice del Terzo...

 

18/07/2018

Nuova costruzione di toilets in Ayyannarpuram

Un altro progetto è stato realizzato, la costruzione di toilets nel complesso scolastico di...

 

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...