La rivoluzione sociale dei Dalit - 3° Parte

08/06/2010

 

La lotta contro la costruzione delle "barriere"

Circa 20 anni fa, gli indù delle caste più alte in Uthapuram, distretto di Madurai e Periyar Nagar, distretto di Coimbatore, avevano costruito "muri e barriere " per vietare il passaggio ai dalit nelle zone abitate dalle caste superiori. Allo stesso modo, nella città di Velletri, un grosso cancello in ferro era stato costruito tra le case abitate dalle caste superiori e le capanne abitate dai dalit sulla strada principale. Il TNEUF, non appena è stato lanciato, aveva portato questo episodio all'attenzione del governo dello Stato. Sono state organizzate dimostrazioni con la partecipazione di dalit e altre forze democratiche. Il Governo dello Stato ha affermato di non essere in grado di rimuovere la Porta di Ferro in Vellore. Dopo lungo insistenze il Governo è intervenuto e ha fatto rimuovere la Porta di Ferro. Attraverso queste azioni, il diritto di poter utilizzare passaggi pubblici da parte dei dalit, che erano stati limitati dalle caste superiori per un lungo periodo di tempo, è stato recuperato. Questo ha generato entusiasmo e ottimismo.

Le lotte per l'entrata nel Tempio

Durante questo periodo molte lotte sono state intraprese per permettere l'entrata dei dalit nei templi, un diritto che era stato loro negato per un tempo piuttosto lungo.
Aver facilitato l'ingresso dei paria nei templi ha avuto un impatto forte e profondo nella psiche del popolo del Tamilnadu ed ha provocato un intenso dibattito in tutto lo Stato tra fede religiosa e superstizione. Non era una questione di fede in Dio o no, era la negazione del diritto democratico e umano per i dalit di entrare nel tempio, mentre tutte le altre persone di caste diverse erano ammesse e che era la violazione dei loro diritti che non poteva essere accettata .

Diritto all’istruzione e al lavoro

Gli Arunthathiyars sono considerati i più arretrati e miseri dei Dalit; vivono in Tamilnadu in condizioni socio economico spaventose e repressive. Una parte considerevole di questa popolazione esercita il lavoro di bracciante agricolo, oppure esercitano lavori umili come ciabattini, raccolta di escrementi umani, pulitura delle fogne, rimozione delle carcasse di animali e cremazione di corpi umani. A causa del loro lavoro e condizioni di vita, una parte considerevole di questa popolazione non può impartire un minimo livello di istruzione dei propri figli. La popolazione della comunità Arunthathiyar è superiore a 3 milioni, ma per loro è abbastanza raro poter ottenere istruzione e opportunità di lavoro.
Recentemente, dopo tante proteste, il governo del Tamilnadu ha annunciato agevolazioni di istruzione e lavoro per una parte degli Arunthathiyars.

I diritti alla cremazione

In Tamilnadu, in molti villaggi per i paria ottenere il diritto di cremazione dei morti rimane un grande problema.
Nel villaggio di Balasamudram, nel distretto di Dindigul, il terreno di cremazione per i Dalit si trovava sulla sponda opposta del fiume. I Dalit legavano il corpo del morto a un pneumatico di gomma e lo gettavano in acqua. Alcuni giovani del villaggio che sapevano nuotare spingevano il cadavere su quel lato del fiume dove il corpo poteva essere cremato o sepolto. Il governo del Tamilnadu è intervenuto ed ha assegnato al villaggio un apposito terreno per la cremazione.

Estratto dal sito indiano www.pragoti.org

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...

 

09/04/2018

GREEN WEEK al Giardino botanico di Alessandria

Venerdì 13 Aprile al Giardino Botanico "Dina Bellotti" di Alessandria avrà inizio la GREEN WEEK...

 

08/03/2018

A Natham il Mariammal festival

Alcune informazioni utili:Fotocopia dell'assegno-Essendo sprovvisti di fotocopiatrice nella...