La rivoluzione sociale dei Dalit - 1° Parte

1° Parte (forme di intoccabilità)

06/06/2010

 

L’eliminazione del sistema delle caste, e in particolare della qualifica di Dalit “intoccabili”, i “fuori casta” è un problema culturale, ma anche politico, che l’India si trascina fin da prima della sua indipendenza. Nel Tamil Nadu si è svolta a fine Maggio 2010 la prima conferenza del Tamil Nadu Untouchability Eradication Front, il Fronte per l’eliminazione degli intoccabili.

Molte Organizzazioni sindacali di banche, assicurazioni, telecomunicazioni, istruzione, ferrovie, energia, trasporti, edilizia, sartoria e prodotti farmaceutici oltre a rappresentanti di scrittori e artisti si sono associati con il Tamilnadu Untouchability Eradication Front (TNUEF), il Fronte per l’eliminazione degli intoccabili. Allo stesso modo, 18 Organizzazioni rappresentanti i Dalit (intoccabili o fuori casta) partecipano attivamente alle attività del TNUEF. Nel complesso, il TNUEF funziona come una grande piattaforma per la lotta contro l'oppressione di casta e per la sradicazione del concetto di intoccabilità.

In Tamilnadu le lotte e le iniziative effettuate dal TNUEF hanno avuto un impatto significativo. Il Governo dello Stato è stato costretto a intervenire e a ripristinare i diritti dei Dalit in molti villaggi e avviare verso di loro azioni di assistenza sociale.

Sfida all’ oppressione delle Caste

In India il sistema delle caste è nato 3000 anni fa e si è profondamente radicato nella società. La lotta contro l'oppressione di questo sistema ha in questo paese una lunga storia.
Il sociologo Vidya Charan Dube scrive:

“In India, nessun altro sistema sociale come quello delle caste è stato così condannato e combattuto con lotte e campagne ideologiche. Nonostante ciò, il sistema delle caste continua ad esistere con tutte le sue terribili regole.
Questa valutazione è corretta. I sociologi hanno sempre ritenuto che nel contesto indiano, l'oppressione di casta si è intrecciata e integrata con lo sfruttamento della classe povera.
In India il sistema delle caste si è consolidato nell’epoca feudale, poi fu utilizzato con profitto dai colonialisti britannici e successivamente ben protetta dalla classe capitalista dopo l'indipendenza. La disuguaglianza tra gli uomini, insita nel sistema delle caste, è a totale vantaggio degli interessi degli sfruttatori. Ancora oggi, l'oppressione di casta e lo sfruttamento di classe restano tra loro intrecciati e integrati.

In India, il sistema delle caste ha generato disuguaglianze e discriminazioni nei confronti di una larga parte del popolo . Fatta eccezione per quei soggetti che appartengono alle zone alte della gerarchia delle caste, tutte le altre sono vittime di discriminazioni e repressioni. Tra le miriadi delle forme di oppressione di casta verso i Dalit, la peggiore e la più crudele è la negazione dei diritti umani.
Il TNUEF ha svolto un'indagine in 22 distretti del Tamilnadu. Questo sondaggio ha rivelato diverse forme di intoccabilità e le atrocità contro i Dalit, che sono oggi prevalenti

Forme di intoccabilità

Varie forme di intoccabilità :
Ai Dalit è impedito di: andare in bicicletta, portare un asciugamano sulle spalle, indossare un copricapo; portare i baffi . In alcune lavanderie, ci sono cesti - con specifica destinazione per gli abiti dei dalit. Molti barbieri si rifiutano di tagliare i capelli ai dalit . Nelle bancarelle che vendono il tè vi sono bicchieri separati per le caste superiori e gli intoccabili.
I Dalit non sono autorizzati a sedersi sulle panchine in alberghi o alle bancarelle da tè e questo è offerto solo in gusci di noce di cocco e in luoghi che possono bere solo accovacciati per terra. Anche l'acqua è offerta, non in tazze, ma versando l’acqua direttamente nelle mani . Ai Dalit è impedito di attingere l'acqua dai rubinetti pubblici e sono impediti a fare il bagno in vasche pubbliche.

I Dalit non sono autorizzati a prendere cibo insieme a persone di casta superiore durante le cerimonie di matrimonio. Quando i Dalit si sposano, è spesso loro impedito di prendere in affitto le sale da matrimonio da privati. Anche le famiglie benestanti dalit non possono ottenere case in affitto nelle aree urbane. Nei villaggi sono costretti a vivere in colonie separate.

Durante le feste, i Dalit non sono autorizzati a usare i petardi. Ai Dalit non è ammesso l'entrata in molti templi e luoghi di culto. Durante il periodo festivo, i Dalit non possono mostrare il volto alle persone di casta superiore. Le loro offerte nei templi sono accettate solo dopo che l'acqua viene spruzzata su di essi.
I dalit non possono cremare i propri morti nei campi di cremazione comune.
Ai Dalit è impedito di sedersi sotto le pensiline delle fermate degli autobus che portano ai villaggi. Essi non sono autorizzati a guardare la TV del rappresentante del villaggio. Essi non sono autorizzati a parlare o cantare in pubblico. In alcuni villaggi, i postini non consegnano le lettere alle famiglie. Ai Dalit è anche impedito di allevare del bestiame.

I Dalit dalla comunità Arunthathiyar sono costretti a trasportare escrementi umani. Persino il governo dello Stato chiama gli Arunthathiyars solo per lavori estremamente umili e questi lavoratori sono pagati con salario giornaliero. Al lavoro sono invitati a portare i propri piatti durante l'ora di pranzo. Anche nelle scuole, i bambini di questa comunità sono costretti a pulire i gabinetti. Agli studenti Dalit è negata l'ammissione in molte scuole. Ai bambini delle caste dominanti viene insegnato a chiamare le persone anziane appartenenti alle comunità Dalit con il loro nome in modo beffardo.
Vengono costruiti muri per impedire ai dalit di utilizzare strade pubbliche che sono utilizzate da caste superiori. Il muro costruito a Uthapuram nel distretto di Madurai, ha una parete di 600 metri di lunghezza.
I terreni assegnati ai Dalit (Panchami ) sono stati occupati da persone appartenenti a caste dominanti che si rifiutano di restituirle ai legittimi proprietari. Quando il “rappresentante del villaggio” è persona Dalit, tutti gli abitanti del villaggio sono discriminati dal governo dello Stato, che rifiuta di stanziare fondi. Le caste dominanti non permettono al “rappresentante del villaggio” eletto dalle comunità Dalit di funzionare.

Estratto dal sito indiano: www.pragoti.org

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

18/07/2018

Nuova costruzione di toilets in Ayyannarpuram

Un altro progetto è stato realizzato, la costruzione di toilets nel complesso scolastico di...

 

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...

 

09/04/2018

GREEN WEEK al Giardino botanico di Alessandria

Venerdì 13 Aprile al Giardino Botanico "Dina Bellotti" di Alessandria avrà inizio la GREEN WEEK...