La fame nascosta dietro il successo enorme dell'India

06/05/2009

 

UJALA è affamato da morire. È di quattro mesi ma pesa soltanto 1.5 chilogrammi, circa un terzo del peso normale di un bambino della sua età, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità.
La pelle è incurvata sulle sue membra molto piccole ed il suo stomaco è grossolanamente dilatato, segni di una malnutrizione molto acuta. Le ossa dell'anca sporgono così come sporgono le ossa del torace che creano un profondo solco tra i polmoni.
È un'immagine tipica delle carestie africane. Ma Ujala non proviene dall'Africa ma dall'India, una nazione che stà crescendo economicamente e politicamente. Per determinati anni l'India è stata una delle economie più a crescita rapida ed i redditi medi sono aumentati costantemente.
Le riforme economiche iniziate nell'inizio degli anni 90 hanno dato buoni risultati ai benestanti. La lista dei ricchi 2009 di Forbes, pubblicata questo mese, vede due indiani fra i 10 individui più ricchi del mondo. Secondo alcune stime più di 200 milioni di indiani oggi hanno un potere di spesa da poter rivaleggiare con quello dei consumatori in paesi sviluppati quali l'Australia e gli Stati Uniti.
Ma l'India possiede nel suo territorio anche un quarto del mondo affamato - circa 230 milioni di persone - secondo un rapporto di programma mondiale di alimentazione, pubblicato il mese scorso. Più di 455 milioni indiani sopravvivono con Euro 0,94 al giorno.
Un simbolo torreggiante di queste due diverse Indie, ricca e povera, è adiacente al villaggio di Ujala nel distretto di Madhya Pradesh . E’ un'antenna di telecomunicazioni. Così mentre Ujala muore di fame e vive con la sua famiglia in una capanna di fango, in quel villaggio hanno la possibilità di ricevere perfettamente i segnali dei telefoni cellulari ed avere accesso ad Internet senza fili.
Malgrado il boom economico delle metropoli indiane, il progresso verso la riduzione della malnutrizione dei bambini è stato lento. Circa 42 per cento dei bambini sotto i cinque anni sono sottopeso.
L'istituto di ricerca internazionale di politica alimentare, afferma che quasi un quinto della popolazione dell'India è “sottoalimentata„.
Nella condizione del Ujala circa 60 per cento dei bambini sotto i cinque anni soffrono di sottoalimentazione e quasi uno su 10 di essi muore prima che raggiunga l'età di cinque anni. L’Istituto afferma che lo Stato del Madhya Pradesh si allinea per malnutrizione dei bambini alle percentuali della Repubblica del Chiad e l'Etiopia.
Ujala è il tipico esempio di coloro che in India vengono dimenticati da chi ha successo economico. Ujala è accudito dalla sua nonna, Rechu Bhai, mentre i suoi genitori lavorano come braccianti in aziende agricole locali.
La famiglia così composta, è molto povera e il loro reddito è di circa 25 rupie (0,37 Euro) al giorno.
“Sono molto preoccupata perché questo è il primo bambino di mia nuora,„ dice Rechu Bhai. “Sua madre è troppo debole per alimentare il bambino, il suo latte si asciuga subito.
“Noi non abbiamo perso la speranza - stiamo facendo di tutto per conservarla.„
Gli assistenti sociali Prakash Michael e Spandan, appartenenti a un'organizzazione che si occupa di aiutare le famiglie malnutrite nel distretto di Khandwa, hanno registrato che in questi ultimi sei mesi, almeno 12 bambini sono morti di fame negli otto villaggi all'interno del distretto.
Spandan ha intrapreso parecchi studi presso i villaggi nel distretto di Khandwa e ha rilevato un tasso di decessi per denutrizione assolutamente allarmante. Quando i giornali locali hanno pubblicato questa ricerca, i funzionari del governo hanno preso iniziative. Molti bambini sono stati portati in centri di riabilitazione.
Ma Prakash dice che la risposta del governo non è stata sufficiente. La nonna di Ujala dice che il bambino è stato portato in uno dei centri specializzati ma è stato rimandato indietro senza spiegazione.
“Da un lato l'India sta costruendo nuovi centri commerciali e ipermercati enormi, ma i nostri bambini stanno morendo di fame„ dice Prakash.
I funzionari locali trovano duro ad ammettere che i bambini sono la morte dell'inedia, dice.
“Il governo smentisce. Stanno dicendo che i bambini non sono morti per malnutrizione. Dicono che le morti sono dovute a causa di malattie stagionali. Non vogliono accettare che i decessi siano avvenuti a causa di malnutrizione perché quella sarebbe un'ammissione contro la politica dello sviluppo economico.„
Prakash crede che la crisi in Madhya Pradesh abbia radici profonde. Durante gli anni 70 la gente locale è passata dalla coltura dei raccolti tradizionali a quella dei raccolti di soia e cotone.
“Dalla sicurezza alimentare di un tempo la situazione è iniziata a deteriorarsi,„ dice Prakash. “Dalla coltivazione di soia e cotone si ottenevano più soldi e si poteva comprare cibo ma successivamente con il libero mercato, i prezzi sono aumentati, molto di più dei redditi della gente.„
I poveri, tradizionalmente, sono stati sostenuti con il blocco dei prezzi su alcuni alimenti (riso) ma recentemente è stato tagliato di circa il 40 per cento, dice Prakash.
“Qui, il consumo medio per persona è caduto da 9 chilogrammi al mese a 6-7 chilogrammi al mese „ dice. “Il cibo è uscito dalla portata dei poveri. È una situazione molto complicata e molte cose devono essere fatte… ma il governo non è disposto ad accettare tutto questo.„
I problemi in Khandwa sono sintomatici in molte zone dell'India rurale. Ricerche effettuate dagli academics Angus Deaton e Jean Dreze rivelano “un continuo declino nel consumo pro-capite di calorie in India “ Nelle zone rurali la media era di circa il 10 per cento più bassa nel 2005 che nel 1983.

Estratto e tradotto da: www.news.iskcon.com
Matt Wade for The Sydnei Morning Herald 21.3.2009

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

18/07/2018

Nuova costruzione di toilets in Ayyannarpuram

Un altro progetto è stato realizzato, la costruzione di toilets nel complesso scolastico di...

 

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...

 

09/04/2018

GREEN WEEK al Giardino botanico di Alessandria

Venerdì 13 Aprile al Giardino Botanico "Dina Bellotti" di Alessandria avrà inizio la GREEN WEEK...