India : se sono poveri in età avanzata sono abbandonati senza scelta

20/05/2012

 

Il processo di invecchiamento, con il passare degli anni, comporta il continuo declino biologico del corpo e della mente. Le persone diventano smemorate, la loro vista svanisce, sentono di meno e faticano a camminare. Senilità e nevrosi sono comuni.
E ‘ sempre stato così. Nel XIII secolo, il poeta sufi Rumi cantava con nostalgia di questo mistero universale della vita: "Perché la forza del leone indebolisce fino a divenire nulla? “
Recentemente gli anziani dei villaggi e dei quartieri poveri in tutto il paese si sono riuniti in Jantar Mantar,per cinque giorni per protestare. Tra questi erano presenti lavoratori agricoli, lavoratori a giornata, operai edili e artigiani . Dopo una vita di duro lavoro, quando i loro corpi sono affaticati e cercano riposo e abbisognano di assistenza sanitaria, se vogliono cibarsi sono invece condannati a faticare fino al loro ultimo giorno di vita.
La loro richiesta è che quella chiamano Parishad Pension cioè che ogni persona anziana del paese anche se non paga imposte sul reddito dovrebbe avere il diritto ad una pensione mensile dallo Stato. Un funzionario pubblico percepisce una pensione equivalente alla metà dell'ultimo stipendio ricevuto. Con la stessa logica, tutte le persone anziane dovrebbero ricevere una pensione che sia almeno la metà del salario minimo legale per il lavoro non qualificato, che ammonta a circa 2.000 rupie al mese (circa 28 Euro).
Questa manifestazione pubblica che ha riguardato il destino di più di 90 milioni di persone ha trovato poco interesse sia nei quotidiani che nella televisione. In una nazione che è tesa verso l’esuberanza giovanile, gli anziani non sembrano più avere importanza.
L'inesorabile declino della forza fisica che avanza con l'età non implica necessariamente una diminuzione del patrimonio sociale. Al contrario, in molte società tradizionali, gli anziani hanno insegnato ai giovani i valori della comunità sopratutto nei momenti difficili. Ma nella società moderna, gli anziani si ritrovano sempre più spinti ai margini della comunità, scarsamente valorizzati, spesso appena tollerati se non abbandonati ed espulsi.
Questi problemi sono notevolmente aggravati per i vecchi e le donne provenienti da famiglie povere. Essi portano molti oneri: la privazione economica e l'insicurezza, la ridotta mobilità a causa della cattiva salute, la solitudine, il rifiuto e la mancanza di una occupazione dignitosa . Il UNPF stima che il 70 per cento degli anziani sono analfabeti e raggiunge il 93 per cento per le donne.
Si stima che il 75 per cento delle persone anziane vive in zone rurali dell'India, di cui oltre il 48 per cento sono donne e più della metà sono vedove. .
Noi giornalisti abbiamo fatto una inchiesta e siamo stati testimoni delle umiliazioni che gli anziani devono subire per garantirsi un po’ di cibo attraverso il foraggiamento e l'accattonaggio.
Croniche carenze di cibo spesso richiedono la più irragionevole delle scelte, tra cibo e medicine, come ad esempio la scelta tra mangiare per rimanere in vita oppure acquistare farmaci per alleviare il dolore insopportabile. Molte persone anziane preferiscono che un attacco di malattia porti a termine la loro vita piuttosto che farsi curare .
Gli anziani che appartengono a famiglie povere di solito hanno necessità di lavorare, indipendentemente dal fatto che vivono separatamente o insieme ai loro figli (o occasionalmente alle figlie), hanno ancora bisogno di contribuire alla famiglia in modo produttivo. I datori di lavoro sanno che sono dei fragili disperati e li pagano con salari molto bassi, spesso con un po’ cibo oppure con qualche modesto abito.
Gli anziani quando chiedono ai commercianti cibo a credito, sono quasi sempre bruscamente allontanati e a loro non resta che l’accattonaggio.
Erano questi uomini e queste donne che si sono riuniti nella capitale della città. Hanno posto molte domande a noi. Se le persone che lavorano per aziende pubbliche o private ottengono le pensioni, perché noi no? Se il paese non può permettersi una pensione per i poveri, come mai se lo può permettere per chi ne ha bisogno disperatamente molto meno di noi? Il governo trova i soldi per gli armamenti, per la costruzione di città splendenti . E allora perché non per una meritata pensione per coloro che hanno lavorato per tutta la vita?
Hanno posto molte domande a noi. ….ma noi abbiamo avuto poche risposte.
Oommen C. Kurian

Estratto da : http://www.thehindu.com/

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

06/09/2018

Presentata la Carta d'Intenti del "vero" volontariato: "deve essere gratuito, organizzato e indipendente"

Questa carta nasce e si diffonde dopo l’approvazione da parte del Parlamento del Codice del Terzo...

 

18/07/2018

Nuova costruzione di toilets in Ayyannarpuram

Un altro progetto è stato realizzato, la costruzione di toilets nel complesso scolastico di...

 

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...