In India è fiorente il commercio di amianto

29/07/2010

 

Nonostante sia ampiamente dimostrato che l’amianto è cancerogeno ed esiste un divieto assoluto d’uso nell’Unione europea e in altri paesi, esso è ancora ampiamente commercializzato nei paesi in via di sviluppo.
Un'indagine condotta dal consorzio internazionale dei giornalisti e la BBC, ha rilevato che l'industria continua a produrre amianto ignorando le malattie ad esso collegate che hanno portato a divieti o restrizioni in 52 paesi del mondo.
Più della metà dei due milioni di tonnellate di amianto che sono state vietate in tutto il mondo nel 2009 è stato esportato nei paesi in via di sviluppo come l'India e il Messico , dove è alta la domanda per i materiali da costruzione a basso costo.
La maggior parte dell’ amianto venduto in questi paesi viene utilizzato per le coperture in cemento ondulato, in tubi di acqua e per la costruzione di case.
Una ragione fondamentale per le vendite è derivato dal fatto che l'amianto è più conveniente di altri materiali alternativi come il cemento in fibra di polipropilene , tubi in cemento armato.
In India , il mercato dell’amianto, dopo la Cina, è il più grande al mondo con quasi 350.000 tonnellate di minerale utilizzato nel 2008, con un incremento dell’ 83 per cento dal 2004.
L'industria dell'amianto continua a crescere , grazie ad una campagna di marketing che rappresenta una rete globale di gruppi industriali guidati dal governo canadese che promuove il crisotilo che è un altro nome per il tipo più comune di amianto, l’amianto bianco .
"Abbiamo trovato istituti e centri commerciali a Montreal, Città del Messico, New Delhi e altrove, che promuovono in modo coordinato l '«uso controllato ' di amianto crisotilo o bianco che è l' unica forma di minerali utilizzato oggi "
Il Canada , che ha le miniere di amianto ma che non utilizza sul suo territorio , è diventato un leader del movimento globale pro -amianto da quando gli studi che legavano il minerale al cancro ha minacciato di chiudere le miniere in Quebec.
Il Montreal -based Istitut promuove l'uso " controllato di amianto nella costruzione e produzione “, un concetto che è sfuggente nei paesi in via di sviluppo , dove le norme di sicurezza dei lavoratori sono flessibili e sempre più persone vengono esposte all'amianto.
La campagna industriale in atto potrà provocare epidemie legate all'amianto entro il prossimo decennio , per i maggiori utilizzatori , la Cina e l'India.
In India, i ricercatori hanno stimato che le morti da cancro legate all'amianto potrebbero raggiungere un milione di persone entro il 2020, mentre un ricercatore australiano ha previsto da cinque a 10 milioni di morti per tumori causati dall'esposizione all'amianto entro il 2030.
Ricercatori finlandesi hanno stimato che 10.000 - 15.000 persone moriranno in Cina ogni anno entro il 2035 di malattie legate all'amianto.
Attualmente, il numero dei decessi per malattie legate all'amianto, stimato dall’ Organizzazione Internazionale del Lavoro, è di circa 100.000 in tutto il mondo.

Articolo di Karin Zeitvogel
Fonte : AFP

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

14/01/2018

La festa del Pongal

Nello stato del Tamil Nadu, dove vivono i bambini sostenuti a distanza da ASSEFA ALESSANDRIA, oggi...

 

24/12/2017

Auguri di Buon Natale dai bambini di ASSEFA ALESSANDRIA

Auguri di un sereno giorno di Natale e di un nuovo Anno ricco di tante cose belle da tutti i...

 

15/11/2017

Mercatino di Natale ASSEFA ALESSANDRIA

MERCATINO DI NATALE ASSEFA ALESSANDRIApresso "IL BENESSERE" Via Chenna, 25-ALESSANDRIA--SABATO 2...

 

27/06/2017

Tre bambini sorrideranno grazie al concerto dell'ASSEFA

Cari amici, sul giornale "IL PICCOLO" di oggi martedì 28 giugno, è stato pubblicato a cura della...