In India, nel piccolo villaggio di Tembhli, la prima distribuzione del documento unico d’identità

05/10/2010

 

Dashrath Ram , 60 anni, e sua moglie Hira Devi, 57 anni, abitano nel villaggio di Tembhli nel Maharashtra ed in questi giorni si sono molto incuriositi per ciò che succede intorno a loro . Infatti, stanno costruendo una strada, la prima in assoluto per il villaggio, ed essa passa vicino alla loro capanna di paglia. Anche l’elettricità è arrivata per la prima volta nel villaggio pochi giorni fa.
Dopo molti anni, gli abitanti del villaggio si sentono benedetti da Dio perché il Governo ha scelto questo villaggio per dare il via ad un ambizioso progetto di distribuzione di una nuovo documento unico d’identità chiamato Aadhaar che mira ad includere in esso dati personali compresi quelli sanitari. L'evento sarà presieduto da importanti figure del Governo indiano.
Il villaggio di Tembhli , è situato a circa 50 km dalla più vicina città. Gli abitanti sono poveri e per l’estrazione dell’acqua, si affidano a due pompe a mano mentre l'elettricità è un lusso che arriva alle 10 di sera e se ne va alle 7 del mattino . Nessuna delle capanne ha un frigorifero, anche se circa dieci famiglie sono riuscite a comprare un televisore. Tutte le case hanno tetti di paglia e sono senza toilette. Circa 20 persone del villaggio hanno un telefono cellulare che utilizzano per il lavoro.
La scuola del villaggio è frequentata da bambini che ricevono un pasto al giorno . Una insegnante di 24 anni afferma : "I ragazzi hanno problemi ad imparare la lingua hindi perché conoscono solo il dialetto del loro villaggio.
Anche questi bambini fanno parte del target di riferimento del progetto Aadhaar . Il documento unico d’identità aiuterà le scuole ad ammettere i bambini con più semplicità e nessun altro documento sarà più necessario.
Il Villaggio di Tembhli non ha un medico. Per i casi di emergenza è necessario andare nella città più vicina a circa 50 Km di distanza dove si trova l’ospedale. Gli abitanti del villaggio si interrogano se la nuova tessera migliorerà le cose e molti di essi pensano di si.
Alcuni di loro affermano : "Sarà più facile ottenere aiuti per i nostri figli alla scuola del villaggio. La tessera ci aiuterà anche ad ottenere razioni di cibo ovunque andremo e ci aiuterà anche ad ottenere l'assunzione come operai salariati giornalieri “.
Ma nel villaggio di Tembhli non tutti sono così entusiasti. Uttam Ram che è parzialmente cieca, pensa che si dovrebbe investire in strutture di base piuttosto che nelle tessere del progetto Aadhaar . Essa dice che una tessera unica le servirà unicamente per essere aggiunta alla sua collezione di carte e certificati.
Che cosa succederà quando tornerà la normalità nel villaggio di Tembhli ? La distribuzione delle tessere a codice unico sarà solo uno dei tanti ambiziosi progetti del Governo indiano?
Il progetto è quello di offrire, in cinque anni, il numero unico identificativo ad ogni indiano, e servirà a raccogliere dati demografici , economici, sanitari e ad aiutare l’accesso alle persone ai programmi governativi.
Fonte: www.infochangeindia.org

 

 

Torna indietro

 

 

Ultime notizie

14/04/2018

Cena di Primavera ASSEFA ALESSANDRIA

Bella serata all'insegna della solidarietà e sinergia di intenti tra ASSEFA Alessandria, Ristorante...

 

11/04/2018

Le donne di Chithiraipettai

Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito di "THE NEW INDIAN EXPRESS" ed è interessante in...

 

09/04/2018

GREEN WEEK al Giardino botanico di Alessandria

Venerdì 13 Aprile al Giardino Botanico "Dina Bellotti" di Alessandria avrà inizio la GREEN WEEK...

 

08/03/2018

A Natham il Mariammal festival

Alcune informazioni utili:Fotocopia dell'assegno-Essendo sprovvisti di fotocopiatrice nella...